Skip to content

Metodo Montessori: non solo per bambini ma anche per aiutare i malati di Alzheimer

Il metodo Montessori mette al primo posto l’individualità, lo sviluppo dei sensi e dell’autonomia, l’importanza di fornire scelte, l’idoneità degli ambienti.

E allora appare chiaro già dalle prime righe quanto metodo Montessori ed Alzheimer non sia un binomio azzardato.

Il metodo Montessori ed i suoi metodi educativi, negli anni passati, trovavano una loro applicazione in bambini in età prescolare. Da un periodo invece si è esteso con enorme successo anche ai bambini nella prima infanzia (proprio dai primi mesi) fino agli adolescenti.

Il 23 e 24 Settembre, a Trento, si terrà il convefno Erickson che avrà come oggetto “L’assistenza agli anziani – Metodi e strumenti relazionali“: nella mattinata di venerdì 23 settembre sarà presente Elisabetta Farina (Fondazione Don Gnocchi) che terrà un workshop proprio sull’applicazione del metodo Montessori sui malati di Alzheimer.

Il metodo prevede che i bambini vengano trattati come persone, a prescindere dall’età, rispettandone la dignità, l’unicità, i bisogni. Quindi non fatevi trarre in inganno dal pensiero che applicando il metodo sugli anziani vorrà dire trattarli come i bambini in quanto, anche se il metodo trova la sua maggiore applicazione in quella fascia di età, vuole al primo piano il rispetto delle peculiarità di ciascun individuo, a prescindere dall’età appunto.

Ecco perché al workshop si parlerà di quanto sia importante dare alle persone affette di demenza la possibilità di fare scelte nel corso della giornata, e ogni interazione è un’opportunità per fornire scelte, tenendo a mente che va sempre dimostrato cosa si vuole che una persona faccia prima di chiederle di farlo. Proprio in quest’ultimo concetto c’è la chiave di tutto: non basta spiegare verbalmente come fare qualcosa, sia che la persona sia affetta da demenza o meno: dobbiamo essere sicuri che la persona abbia la capacità di comprendere e poi di fare ciò che le stiamo per chiedere, e quindi devono essere i compiti o i materiali ad adattarsi a particolarità fisiche e/o cognitive.

Come dicevamo prima, al centro di tutto deve esserci la conoscenza dell’individuo, dei punti di forza e di quelli deboli, delle preferenze, degli interessi, delle paure. Se conosciamo questi punti sapremo senz’altro fornire un ambiente e degli stimoli adatti, e dei compiti che siano per lui coinvolgenti ed appaganti, e se facciamo in modo che si senta di appartenere a una comunità e di svolgere al suo interno ruoli significativi avremmo senz’altro fatto un grande regalo alla sua anima.

Loredana Amodeo

Articoli correlati

Categorized: Montessori
Tagged: ,
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione