Skip to content

Montessori: i giochi per tranquillizzare i bambini

Possiamo immaginare i nostri bambini come uno specchio che riflette i nostri atteggiamenti e i nostri stati d’animo ecco perchè è importante conoscere i giochi per tranquillizzare i bambini secondo il metodo Montessori.

Spesso, inconsapevolmente, riversiamo sui più piccoli le ansie e le frustrazioni che si accumulano durante la giornata, ed ecco che, arrivata sera, anche i bambini sono più sensibili e nervosi. Inoltre tendono a manifestare la propria stanchezza, dovuta alla scuola o ai giochi, con irritabilità, pianto e gesti aggressivi, segnali che non vanno ignorati, ma ai quali bisogna prestare attenzione e porvi rimedio attraverso, ad esempio, dei giochi specifici per il rilassamento.

Questi giochi, suggeriti dai pedagogisti e presenti nel metodo Montessori, aiutano i bambini a ritrovare la calma e la serenità, ma sono un ottimo strumento anche per i genitori, al fine di condividere un piacevole momento di rilassamento.

Ecco i giochi per tranquillizzare i bambini secondo il metodo Montessori:

giochi-per-rilassare-i-bambini-1

  • Cosa senti?

Con questo gioco si allena la capacità dei bambini nel riconoscere i suoni. Bisogna invitarlo a chiudere gli occhi, a restare in silenzio e ad ascoltare i suoni che produrrete. La mancata visione vi permette di riprodurre qualsiasi suono vogliate, ad esempio, lasciate scorrere l’acqua dal rubinetto del lavandino oppure fate tintinnare a terra alcune monete. A seconda dell’età è possibile aumentare man mano la difficoltà dei suoni da indovinare.

  • La danza dei numeri.
    Oltre che a farli rilassare, questa attività è ideale anche per farli muovere un po’, ad esempio dopo un viaggio seduti in auto o dopo una giornata passata sul divano. E’ una forma di stretching associata a una filastrocca, scritta dalla pedagogista Nicole Malefant, che ha anche l’effetto benefico di ossigenare il cervello e recuperare energie.
    Uno e due, le ciglia sbatto. ……………. →In piedi, indicare gli occhi con le dita, poi sbattere le ciglia

             Tre e quattro, come un gatto…………….→ Mettersi a 4 zampe

             Cinque e sei, in ginocchio. ……………. → Mettersi in ginocchio

             Sette e otto, testa sotto. ………………….→ Tendere in avanti le braccia incurvando la schiena

             Nove e dieci, giro pagina. ……………. → Lasciarsi cadere di lato e accovacciarsi

           Undici e dodici, fermo immagine…… → Distendersi sulla schiena

  • Vola, vola fazzoletto.
    Invitate il vostro bambino a distendersi sul dorso e poi poggiateli sulla bocca un fazzolettino leggero di carta. Lo scopo è quello di far sollevare il fazzolettino soffiando. Questo gioco diventa più divertente se vi mettete anche voi alla prova, stendendovi accanto al vostro piccolo, replicando una sorta di sfida.
  • Dipingere con una cannuccia.
    L’arte, non solo stimola i vostri bambini nello sviluppo della creatività e della fantasia, ma rappresenta anche un ottimo sfogo per il nervosismo. Vi basterà porre davanti al piccolo un vassoio di carta sul quale verserete qualche goccia di tempera o colorante alimentare, poi dategli una cannuccia di plastica colorata e lasciate che soffi sul vassoio, creando delle bellissime linee e forme di colore.
  • Il barattolo della calma.
    E’ simile alle palle di neve che si trovano nei periodi invernali e che tanto affascinano i più piccoli, ma si realizza in casa e diventa subito uno strumento magico e personale che aiuterà i vostri bambini a rilassarsi. Vi basterà prendere un barattolo, possibilmente di plastica, e riempirlo con colla, glitter e paillettes, poi agitatelo e il gioco è fatto.

 

Non dimenticatevi che i bambini non sono immuni dallo stress e dalla stanchezza e che basta solo un po’ di attenzione e voglia di giocare insieme per aiutarli a recuperare la calma e la serenità.

Claudia Di Meo

 

 

Articoli correlati

Categorized: Montessori
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione